Vai al sito parlamento.it Vai al sito camera.it

Portale storico della Camera dei deputati

XVI Legislatura della Repubblica italiana

Il calendario quotidiano dei lavori, dal 1848 al 2018, con i resoconti stenografici delle sedute dell'Assemblea e degli organi parlamentari dalla I legislatura del Regno di Sardegna alla XVII legislatura della Repubblica.
XI Commissione (Lavoro pubblico e privato)
Seduta di mercoledì 2 febbraio 2011
bollettino bollettino
 
UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

scheda del dibattito
 
5-03422

scheda del dibattito
interventi di: Maria Antonietta Farina Coscioni.
 
5-04111

scheda del dibattito
interventi di: Massimo Polledri, Silvano Moffa.
 
Discussione e rinvio - 7-00470

scheda del dibattito
interventi di: Silvano Moffa, Maria Grazia Gatti, Nedo Lorenzo Poli, Silvano Moffa, Maria Grazia Gatti, Silvano Moffa, Antonio Boccuzzi, Giovanni Paladini, Maria Grazia Gatti, Silvano Moffa, Maria Grazia Gatti, Nedo Lorenzo Poli, Giovanni Paladini, Paola Pelino, Cesare Damiano, Giuliano Cazzola, Antonino Foti, Maria Grazia Gatti, Nedo Lorenzo Poli, Michele Scandroglio, Cesare Damiano, Massimiliano Fedriga, Pippo Gianni.
 
Incentivi per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro mediante riduzione dei premi INAIL. C. 1986

scheda del dibattito
interventi di: Paola Pelino, Antonio Boccuzzi, Silvano Moffa, Giuliano Cazzola, Gaetano Porcino, Cesare Damiano, Silvano Moffa, Paola Pelino, Antonio Boccuzzi, Giovanni Paladini.
Cronologia
martedì 25 gennaio
  • Politica estera ed eventi internazionali
    In Egitto, al Cairo si svolge la prima manifestazione contro il regime del Presidente Hosni Mubarak. Migliaia di manifestanti, che reclamano pane, libertà e giustizia sociale, si riuniscono a Piazza Tahir, che diventerà il luogo simbolo della rivolta.

venerdì 11 febbraio
  • Politica estera ed eventi internazionali

    In Egitto, dopo le manifestazioni di protesta che hanno visto milioni di egiziani in piazza in tutte le principali città del paese, il Presidente Mubarak lascia alla Giunta militare il governo del Paese.