Vai al sito parlamento.it Vai al sito camera.it

Portale storico della Camera dei deputati

Amministrazione

L'evoluzione della struttura amministrativa e delle norme organizzative interne della Camera, partendo dal Regno d'Italia e giungendo fino all'ultima legislature conclusa, attraverso documenti fino ad ora non digitalizzati e inediti.
 
 
L'organizzazione dei Servizi e degli uffici e l'evoluzione della consistenza organica nel tempo, secondo le diverse qualifiche e funzioni: un'altra prospettiva per comprendere l'evoluzione delle funzioni parlamentari e della struttura amministrativa.
VIII Legislatura della Repubblica italiana (dal 20 giugno 1979 al 11 luglio 1983)
  • 1980
  • Personale degli uffici n. impiegati
    Funzionari direttivi 173
    Impiegati di concetto 81
    Impiegati esecutivi 368
    totale 622
    Personale ausiliario n. impiegati
    Personale addetto all'aula, alle sale e ai servizi vari 469
    Personale addetto ai servizi tecnici 289
    totale 758
  • 1981
  • Durante l’ottava legislatura, a seguito delle modifiche al regolamento interno avvenute nell’ottobre del 1980, è approvata un’importante riforma dell’ordinamento del personale, con definizione di cinque livelli funzionali complessivi, riguardanti sia il personale degli uffici sia il personale ausiliario, “individuati in riferimento ai contenuti di professionalità costituiti dalla complessità del la­voro, dalla sfera di autonomia e dalla connessa re­sponsabilità” (art. 27 del regolamento dei servizi e del personale del 15 ottobre 1980).I livelli, che comprendono all’interno distinte professionalità, sono:- quinto livello (consiglieri parlamentari delle professionalità generale, di stenografia, di biblioteca e tecnica);- quarto livello (documentarista, documen­tarista bibliotecario, tecnico e ragioniere);- terzo livello (segretario, capo officina e assistente di settore);- secondo livello (collaboratore, operaio specializzato e assistente);- primo livello (commesso e operaio qualificato).Il primo quadro riepilogativo della consistenza del personale in base al nuovo ordinamento con articolazione in cinque livelli, aggiornato al giugno 1981, si trova all’interno di un documento che costituisce un’ulteriore novità, cioè la prima “Relazione all’Ufficio di presidenza sullo stato dell’amministrazione”, predisposta dal Segretario generale in base all’art. 5 del nuovo testo del regolamento dei servizi e del personale del 10 giugno 1981 e pubblicata all’interno del “Progetto di bilancio delle spese interne della Camera dei deputati” per l’anno finanziario 1981 (si veda Tabella. Consistenza del personale al 1° giugno 1981). Il numero complessivo del personale è di 1442 dipendenti.Per quanto riguarda l’organizzazione dei servizi, oltre ad alcune ridenominazioni, va segnalata l’eliminazione di distinzioni interne tra gli uffici della Segreteria generale, ora tutti qualificati “Uffici speciali ai quali sono preposti Consiglieri con funzioni di Capo Servizio” (art. 9 del regolamento interno del 10 giugno 1981). Infine, a seguito delle precedenti modifiche regolamentari dell’ottobre 1980, l’Archivio storico non è più inserito tra gli uffici della Segretaria generale, ma è divenuto “istituto culturale con propria autonomia organizzativa, secondo i principi stabiliti dalla legge 3 febbraio 1971, n. 147” (art. 24, poi art. 29 nel testo del giugno 1981).

    Personale n. impiegati
    V Livello 141
    IV Livello 86
    III Livello 97
    II Livello 792
    I Livello 303
    Funzionari a condizioni speciali 6
    Stenografi a condizioni speciali 17
    totale 1442
vai agli organigrammi della legislatura
Bibliografia del Parlamento
 
Riferimenti bibliografici relativi a libri ed articoli di periodici che hanno per oggetto il Parlamento italiano dalla concessione dello Statuto Albertino nel 1848 fino ai giorni nostri, la Consulta nazionale, l'Assemblea Costituente, nonchè gli studi in materia elettorale (leggi, procedure, comportamento), con riferimento alle elezioni politiche nello stesso periodo storico sia a livello nazionale che locale.

accedi alla Bibliografia del Parlamento